Mi chiamo Luca Tagliaferri, ho 60 anni e vivo a Roma. Finalmente, dopo una vita passata come dipendente di una grande ditta che lavora per la difesa dove negli ultimi mi sono dedicato quasi esclusivamente alla stesura di documenti tecnici, con una laurea in tasca e il desiderio di abbandonare il lavoro  intellettuale, ho realizzato il mio sogno dell'età matura di fare un lavoro manuale creativo ed artistico, ed in particolare di occuparmi della mia prima passione di quando ero ragazzo: le chitarre.

Ho iniziato dapprima come attività hobbistica, poi appena si è presentata la possibilità di lasciare il lavoro ho iniziato a esercitare questa attività come una vera e propria professione.

Sono particolarmente legato alla chitarra classica, in quanto l'ho studiata da ragazzo, e ne percepisco tutte le sfumature, è questo il motivo per cui inizialmente mi sono dedicato interamente alla costruzione di questo tipo di chitarra. Successivamente, un po’ la curiosità ed un po’ la necessità di ampliare la mia offerta, ho iniziato a sperimentare anche la costruzione delle chitarre acustiche. Con mia sorpresa, mi sono ritrovato in poco tempo a realizzare chitarre acustiche di qualità sonora elevatissima, superiore senz'altro a quella di noti marchi dal costo anche doppio rispetto alle mie. L’esperienza fatta sulle chitarre che arrivano in laboratorio per riparazioni o setting up, infatti, mi hanno permesso di poter valutare oggettivamente la qualità delle mie chitarre, e posso dire che a tutt’oggi non ho trovato una chitarra industriale paragonabile alle mie, almeno in modalità acustica. Spesso infatti queste chitarre sono dotate di un sistema di amplificazione di alto livello che ne magnifica il suono in amplificato, ma questo è un altro discorso.

Quello che manca alle chitarre di industria anche di fascia alta (2000-4000 euro), è secondo me la risposta sulle basse frequenze, la ricchezza di armonici ed il sustain, e nonostante ciò il richiamo dei grandi marchi miete continuamente vittime, che poi arrivano nel mio laboratorio insoddisfatte dello strumento, chiedendo se è possibile fare qualcosa.

Le mie chitarre acustiche sono tipicamente delle OM, sono quindi compatte e maneggevoli, ma hanno al tempo stesso volume, un suono incredibilmente ricco di armonici ed una ottima suonabilità, con un rapporto qualità/prezzo eccezionale. Anche la tipologia della mia offerta è abbastanza singolare, realizzo infatti anche chitarre con tastiera multiscala e con tavola armonica double top, oltre naturalmente a personalizzare su richiesta dimensioni e forma della tastiera e del manico.

Mi piace anche fare le riparazioni, specie quando sono sfidanti, trovo infatti molto gratificante riuscire a rimettere in sesto una chitarra che arriva spesso in pessime condizioni, cercando ogni volta con creatività di trovare l'espediente giusto per riparare al meglio i danni subiti dallo strumento.

Anche se i progetti che attualmente sto seguendo stanno dando ottimi risultati, in ogni nuova costruzione provo sempre a fare dei piccoli cambiamenti senza stravolgere l'impianto della costruzione, allo scopo di ottenere un miglioramento continuo che possa ulteriormente arricchire la sonorità degli strumenti, per i quali ho già ricevuto molti riscontri positivi da musicisti ed istituzioni.

Guardando gli strumenti dei grandi liutai mi rendo conto di quanta strada ho ancora da fare, avendo sempre in mente però che alla fine non bisogna perdere di vista l'obiettivo primo, e cioè il suono e la suonabilità.

 

 

Riconoscimenti:

 

Vincitore 8° Concorso Internazionale di liuteria ANLAI Sesto Fiorentino Maggio 2017 (categoria chitarra classica)

 

 

 

 

Vincitore 1° Concorso di Liuteria "L'arte del Liutaio" a CIVITELLA ALFEDENA - Aprile 2018 nelle categorie

chitarra acustica (2°posto) e chitarra classica (3° posto)

 

 

 

 

 

Vedi l'intervista pubblicata su Roma Italia Lab:

 

descriz

 

Studios Academy Intervista e prova (vedi dal 19°min) la chitarra del liutaio Luca Tagliaferri: